♥ o.41

 
La verità, la più scintillante, nascosta, cruda, schietta, tra tutte le verità, è che io non mi fido. E non è che non ce la faccio, non è vero, posso farlo, potrei.
Solo che non voglio. Perché ho perso, strada facendo, tra gli anni e gli avvenimenti, quel pizzico di ingenuità e follia che mi permetteva di fidarmi. E adesso, semplicemente, faccio attenzione a non farmi fregare. Metto bene i piedi, uno dopo l'altro, lungo un marciapiede stretto, 'che se nel caso sbagliassi, finirei per terra. E non lo sai mai cosa succede dopo una caduta. 
Possono esserci cadute pseudo tranquille, ed altre, invece, ti spezzano in qualche centinaio di pezzi, di quelli troppo piccoli e troppo diversi, che non si possono rimettere insieme. 
C'è una parte di me, però, che continua a suggerirmi che sto sbagliando, che non si soffoca il proprio modo di essere, che non potrò girarmi dall'altra parte, per sempre; prima o poi dovrò farci i conti.
Solo che al momento, sinceramente, preferisco non darle ascolto. 
Perché in realtà lo so già che non potrò rintanarmi per sempre; che il mio modo di essere irromperà precipitosamente, buttando via tutti i paletti imposti, e che in realtà sarò sempre una di quelle che scoppiano a ridere nei momenti meno consoni; sempre una di quelle che non si vergognano di piangere, nonostante il mascara coli a picco lungo le guance; sarò sempre una di quelle che tiferà un pò di più per i balli lenti e le canzoni dolci; sempre una di quelle che, inconsciamente, indica la gente per strada; una di quelle col vizio dell'ultima parola; una di quelle che al mare torna sempre di buon umore, e riempie le tasche di conchiglie e sassolini; una di quelle che cura i graffi coi baci, confidando nel loro potere nettamente superiore alle polverine cicatrizzanti; una di quelle che non dorme senza bacio della buonanotte, una di quelle che, prima del sesso, metterà sempre l'amore. 
E che non accetta l'uno senza l'altro
E non perché io non possa farlo, semplicemente, non voglio
Io sono fatta cosi con i miei pregi e difetti, e me ne frego dei giudizi degli altri.

♥ o.40

Ma poi, chissà la gente che ne sa,
chissà la gente che ne sa,
dei suoi pensieri sul cuscino che ne sa,
della sua luna in fondo al pozzo che ne sa,
dei suoi pensieri e del suo mondo.

- Francesco De Gregori

♥ o.39

Cosa conta il parere altrui, se il nostro inconscio, l'amico fidato di sempre ci dice che stiamo percorrendo la strada giusta? Meno di niente.

♥ o.38

- Judith Bond
Grazie mamma,
perché mi hai dato la tenerezza
delle tue carezze,
il bacio della buona notte,
il tuo sorriso premuroso,
la dolce tua mano che mi dà sicurezza.
Hai asciugato in segreto le mie lacrime,
hai incoraggiato i miei passi, hai corretto i miei errori,
hai protetto il mio cammino, hai educato il mio spirito,
con saggezza e con amore mi hai introdotto alla vita.
E mentre vegliavi con cura su di me trovavi il tempo
per i mille lavori di casa.
Tu non hai mai pensato di chiedere un grazie.
Blogger Template Designed by La vita con tutte le sue sfumature - ©2015-2016 All rights reserved.