♥ o.31

Ci sono momenti in cui si deve vivere la propria vita per
capire se stessi.
Perché si cambia, il nostro mondo cambia,
cambiano le cose senza che te ne accorgi,
un mattino è come se ti svegliassi dopo i cento anni della Bella Addormentata.
E ti chiedi cos’è successo a te, nel frattempo:
se tutto è cambiato così, dov’eri tu che non te ne accorgevi.
Chiedi, ma nessuno risponde.
Ci sono momenti in cui si deve vivere la vita attraverso la vita degli altri. 
Altri che soffrono, altri che ti hanno aspettato a lungo,
altri che dopo anni di silenzio finalmente parlano. 
Altri che hanno bisogno di un compagno nell’attesa delle loro attese.
E altri per i quali il tempo che passa nell’aspettare è già un dono. 
Non sai bene se la vita è viaggio,
se è sogno, se è attesa,
se è un piano che si svolge giorno dopo giorno e non te ne accorgi se non guardando all’indietro. 
Non sai se ha senso. In certi momenti il senso non conta.
Contano i legami.

3 commenti:

Misantrophia ha detto...

E quando il senso conta, non si riesce a capire quale sia.

Ilaria* ha detto...

L' ultima frase è verissima.
Bisognerebbe evitare di domandarci quale senso abbiano la nostra vita, i nostri gesti, le nostre scelte, i nostri sbagli... E vivere pienamente ogni attimo, assaporando i legami di affetto con gli altri...
È meglio non perdere tempo alla ricerca di un senso, tanto trovarlo ê troppo complicato e sopratutto è molto incerto...
Un bacio!

Laura ha detto...

Credo che il passaggio tra il vedere il mondo solo attraverso il proprio sguardo e farlo attraverso il filtro degli occhi degli altri è quello tra adolescenza e mondo adulto. Io, purtroppo, spesso inciampo nella mente della me quindicenne. Soprattutto negli ultimi tempi.

Blogger Template Designed by La vita con tutte le sue sfumature - ©2015-2016 All rights reserved.