♥ o.22


C’è un paio di scarpette rosse a Buckenwald quasi nuove perché i piedini dei bambini morti non consumano le suole.
C’è un paio di scarpette rosse numero ventiquattro quasi nuove: sulla suola interna si vede ancora la marca di fabbrica “Schulze Monaco”.
C’è un paio di scarpette rosse in cima a un mucchio di scarpette infantili a Buckenwald (Campo di concentramento) erano di un bambino di tre anni e mezzo chi sa di che colore erano gli occhi bruciati nei forni ma il suo pianto lo possiamo immaginare si sa come piangono i bambini anche i suoi piedini li possiamo immaginare scarpa numero ventiquattro per l’ eternità perché i piedini dei bambini morti non crescono.

♥ o.21

Non so come spiegarlo ma la notte è speciale.
Chi l'ha detto che il buio fa paura?
E' solo quello che ci hanno fatto credere da piccoli.
Io adoro la notte perché ha un profumo particolare
e suoni e colori che di giorno non esistono.
Tutto è più facile di notte.
È più facile volersi bene.
È più facile amare e fare l'amore.

♥ o.20








Un bacio è come il vento
Quando arriva piano però muove tutto quanto
E un'Anima forte che sa stare sola
Quando ti cerca è soltanto perché lei ti vuole ancora
E se ti cerca è soltanto perché
L'Anima osa E' lei che si perde
Poi si ritrova
E come balla
Quando si accorge che sei lì a guardarla
Non mi portare niente
Mi basta fermare insieme a te un istante
E se mi riesce
Poi ti saprò riconoscere anche tra mille tempeste
Un bacio è come il vento
Quando soffia piano però muove tutto quanto
E un'anima forte che non ha paura
Quando ti cerca è soltanto perché lei ti vuole ancora
Quando ti cerca è soltanto perché lei ti vuole ancora
E se ti cerca è soltanto perché
"L'Anima Vola."

♥ o.19

Cosa mi auguro?
Mi auguro di incontrare persone che mi aiutino a crescere.
Ho ancora tanto da imparare. Mi auguro che ci sia gente capace vedere e prendere il meglio da me senza succhiare l'anima. Ho tanto da dare. Mi auguro di incontrare persone che non abbiano voglia di fare i maestri. Mi auguro di trovare qualcuno che sappia ascoltare anche il battito d'ali a distanza di chilometri.
Qualcuno che non viva nel proprio mondo e misuri tutto con i suoi parametri. Mi auguro di essere argine e di incontrare qualcuno che rimanendo fiume sia capace di essere mare.Cosa mi auguro?
Mi auguro di sorridere un po' di più e poterlo donare a chi se lo merita.

Mi augurodi non essere più stanco e svegliarmi presto la mattina, ma non per andare a lavoro, per respirare la giornata.
Mi auguro di stringere una mano e arrivare a sentire il battito del suo cuore.
Mi auguro che se ne vadano in ferie la mia malinconia, la nostalgia, la tristezza, l'autocritica, il pessimismo e la mia inquietudine.
E pure un po' di sfiga!
Che tornino a lavoro il mio ottimismo, l'ironia, la simpatia, la creatività, la fiducia e la forza.
Mi
auguro di tirare fuori dal sacco, gli auguri migliori di quelli mai fatti, mai pensati o mai sognatida regalare ad ognuno di noi e augurare...
"Che tu sia felice."
 

♥ o.18


Nuvole, dovrei essere molto veloce nel descrivere le nuvole già dopo una frazione di  secondo non sono più quelle, stanno diventando altre.
La loro caratteristica è non ripetersi mai in forme, sfumature, pose e disposizione.
Non gravate da memoria di nulla, si librano senza sforzo sui fatti.
Ma quali testimoni di alcunchési disperdono all’istante da tutte le parti. In confronto alle nuvole la vita sembra solida, pressoché duratura e quasi eterna.
Di fronte alle nuvole perfino un sasso sembra un fratello su cui si può contare, loro invece sono solo cugine lontane e volubili.
Gli uomini esistano pure, se vogliono, e poi uno dopo l’altro muoiano, loro, le Nuvole, non hanno niente a che vedere con tutta questa faccenda molto strana.
Al di sopra di tutta la tua vita e della mia, ancora incompleta, sfilano fastose così come già sfilavano. Non devono insieme a noi morire, né devono essere viste per fluttuar...
Blogger Template Designed by La vita con tutte le sue sfumature - ©2015-2016 All rights reserved.